Ultimo Aggiornamento:
Procedura pediluvio

Procedura per l’esecuzione del pediluvio

OBIETTIVI

  • Assicurare l’igiene e il confort dell’assistito evitando odori sgradevoli.
  • Aumentare e facilitare la cura delle unghie.
  • Eliminare le fonti di eventuali infezioni e prevenire eventuali traumi dovuti alle unghie troppo lunghe.

INDICAZIONI

  • La procedura va eseguita su indicazione dell’infermiere, su richiesta dell’assistito o ogni qual volta si ritiene necessario.

MATERIALE OCCORRENTE

  • Brocca con acqua
  • Vaschetta per pediluvio
  • Sapone liquido
  • Crema idratante o emolliente
  • Manopola di cotone o telino
  • Biancheria necessaria (calzini o altro)
  • Taglia unghia e limetta di cartone se necessaria
  • Traversa impermeabile
  • Guanti monouso
  • Carrello smaltimento rifiuti e biancheria

TECNICA DI ESECUZIONE

  • Preparare il carrello con tutto il materiale necessario.
  • Informare l’assistito della procedura che si sta andando ad eseguire.
  • Lavarsi le mani.
  • Indossare i guanti.
  • Qualora l’assistito sia parzialmente autosufficiente aiutarlo a sedersi su una poltrona o aiutarlo a sedersi sul letto. In caso di assistito non autosufficiente, posizionarlo in posizione semi-seduta o supina.
  • I piedi devono essere lavati con acqua a temperatura media e sapone neutro.
  • Posizionare sotto la vaschetta una traversa.
  • Usare la brocca di acqua per riempire la vaschetta, quindi immergere un piede alla volta e lasciarlo immerso per alcuni minuti.
  • Passare poi al lavaggio del piede e della gamba con il guanto da bagno o con un telino insaponato.
  • Risciacquare accuratamente procedendo dal ginocchio fino alle dita del piede.
  • Asciugare accuratamente con un telino sia la gamba che il piede e fare molta attenzione ad asciugare ancora più accuratamente gli spazi interdigitali (gli spazi tra le dita dei piedi).
  • Procedere con la stessa procedura fin qui descritta per l’altra gamba e l’altro piede.
  • Terminata la procedura di lavaggio, valutare se procedere con il taglio delle unghie.
  • Se è necessario procedere con il taglio delle unghie, tagliarle a quadrato (tagliare prima le unghie diritte e poi arrotondarne gli angoli usando la limetta di cartone).
  • Terminata la procedura di taglio, massaggiare il piede e la gamba con la crema idratante o emolliente, procedendo dal basso (dita del piede) verso l’alto (polpaccio), in modo da facilitare il ritorno venoso.
  • Vestire l’assistito con i suoi indumenti.
  • Riposizionare l’assistito.
  • Sistemare l’unità e smaltire il materiale utilizzato.
  • Togliersi i guanti e lavarsi le mani.

COMUNICAZIONI ALL’INFERMIERE/REGISTRAZIONI

  • Comunicare e/o registrare la prestazione eseguita.
  • Comunicare eventuali alterazioni della cute o delle unghie: deformazioni, colore, irritazioni della pelle, presenza di eventuali ecchimosi.
  • Comunicare l’eventuale presenza di lesioni tra le dita.
  • Comunicare l’eventuale presenza di calli o duroni.

IMPORTANTE

  • Posizionare l’assistito sempre nella posizione più confortevole possibile.
  • Regolare la temperatura dell’acqua secondo le esigenze dell’assistito.
  • Non posizionare il materiale da utilizzare o utilizzato per terra, al fine di evitare infezioni nosocomiali.
  • Adottare tutte le possibili precauzioni idonee nel caso in cui l’assistito abbia patologie infettive, patologie dismetaboliche (come il diabete), disturbi della coagulazione, per le manovre a rischio come il taglio delle unghie.
  • Sciacquare e asciugare molto accuratamente gli spazi interdigitali al fine di prevenire l’insorgenza di micosi e macerazioni a causa dell’umidità che si può depositare.