Ultimo Aggiornamento:
Coronavirus

Coronavirus, 10 comportamenti da seguire per evitare il contagio

In questo breve articolo andremo a vedere 10 comportamenti da seguire per evitare il contagio da Coronavirus.

Le informazioni che vengono fornite in questo articolo si basano sulle informazioni e guide ufficiali fornite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dall’ European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) e dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS).

1. Lavare spesso le mani con acqua e sapone o con gel a base alcolica

Il lavaggio e la disinfezione delle mani sono decisivi nel prevenire l’infezione da Coronavirus. Le mani vanno lavate con acqua e sapone per almeno 20 secondi, meglio se i secondi sono 40 o 60. Qualora non siano disponibili acqua e sapone, è anche possibile utilizzare un disinfettante per mani che abbia almeno il 60% di base alcolica. Il lavaggio e la disinfezione delle mani elimina il virus.

2. Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute

Bisogna cercare di mantenere almeno un metro di distanza dalle altre persone, in particolar modo quando queste tossiscono o starnutiscono o se hanno la febbre, questo perché il coronavirus è contenuto nelle goccioline di saliva e può essere trasmesso a distanza ravvicinata.

3. Non toccare occhi, naso e bocca con le mani

Il coronavirus si trasmette principalmente per via respiratoria, ma può penetrare nel corpo anche attraverso gli occhi, il naso e la bocca. Bisogna quindi evitare di toccare queste parti del corpo se le mani non sono accuratamente lavate e disinfettate. Questo perché, le mani, possono venire a contatto con delle superfici contaminate dal virus e quindi trasmetterlo al corpo.

4. Coprire bocca e naso con fazzoletti monouso quando si starnutisce o si tossisce. Se non si ha a disposizione un fazzoletto, bisogna usare la piega del gomito

Qualora si fosse afflitti da una infezione respiratoria acuta, bisogna evitare qualsiasi contatto ravvicinato con altre persone. Bisogna coprire la bocca e il naso con fazzoletti monouso quando si starnutisce o si tossisce. Se non si ha a disposizione un fazzoletto, si può utilizzare la piega del gomito. Non utilizzare le mani per coprirsi la bocca, in quanto in questo modo si potrebbero contaminare oggetti o persone con cui si viene a contatto.

5. Non prendere farmaci antivirali né antibiotici a meno che siano prescritti dal medico

Allo stato attuale non ci sono evidenze scientifiche che attestino che l’uso dei farmaci antivirali possano prevenire l’infezione da nuovo coronavirus (SARS-CoV-2). Gli antibiotici non funzionano contro i virus, ma solo contro i batteri, ed essendo il coronavirus, per l’appunto, un virus, l’utilizzo degli antibiotici non viene utilizzato né come mezzo di prevenzione né come mezzo di trattamento, a meno che non subentrino delle co-infezioni batteriche.

6. Pulire le superfici con disinfettanti a base di alcol o cloro

I disinfettanti chimici che possono uccidere il nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) sulle superfici includono disinfettanti a base di candeggina / cloro, i solventi, l’etanolo al 75%, acido peracetico e il cloroformio.

Nel caso si consiglia di chiedere maggiori informazioni al medico o ad un farmacista.

7. Usare la mascherina solo se si sospetti di essere malati o se si assistono persone malate

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di indossare una mascherina solo qualora si sospetti di aver contratto il nuovo coronavirus, se siano presenti sintomi quali tosse o starnuti, o qualora si dedichi assistenza a persone con una sospetta infezione da nuovo coronavirus.

8. I prodotti “made in China” e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che le persone che ricevono pacchi dalla Cina non sono a rischio di contrarre il nuovo coronavirus perché il virus non è in grado di sopravvivere a lungo sulle superfici. A tutt’oggi non si hanno evidenze scientifiche che gli oggetti prodotti in Cina o altrove siano in grado di trasmettere il nuovo coronavirus (SARS-COV-2).

9. Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo coronavirus

Attualmente non ci sono evidenze scientifiche che attestino che gli animali da compagnia, come cani e gatti, possano essere infettati dal virus. Tuttavia, è sempre consigliato lavarsi le mani con acqua e sapone dopo il contatto con gli animali da compagnia.

10. In caso di dubbi NON recarsi al Pronto Soccorso. Bisogna, invece, chiamare il medico di base e seguire le sue indicazioni

Il periodo di incubazione del nuovo coronavirus è compreso tra un lasso di tempo variabile tra 1 e 14 giorni. Se si ha la febbre, tosse, dolori muscolari, stanchezza o difficoltà respiratorie, NON bisogna recarsi al Pronto Soccorso ma chiamare il medico di base e seguire attentamente le informazioni che verranno fornite.